Scuola primaria

Il progetto si propone di fornire agli insegnanti un valido strumento didattico che, attraverso il contatto diretto con la natura, l’esperienza pratica e il coinvolgimento emotivo, possa coadiuvarli nel raggiungimento degli obiettivi specifici di apprendimento (OSA), trasformando le conoscenze e le abilità disciplinari in competenze personali degli studenti.

Trasversalità degli obiettivi di apprendimento: gli OSA raggiunti dai percorsi proposti sono relativi agli insegnamenti di scienze e geografia, tuttavia verranno raggiunti obiettivi trasversali di materie quali italiano, storia, arte e immagine.

 

Obiettivi specifici di apprendimento

Classe 1^

  • identificare e descrivere oggetti inanimati e viventi (scienze)
  • descrivere animali mettendo in evidenza le differenze (scienze)
  • analizzare uno spazio attraverso l’attivazione di tutti i sistemi sensoriali (geografia)

Classi 2^ e 3^

  • definizione di ambiente e natura in rapporto all’uomo (scienze)
  • varietà di forme e comportamenti negli animali (scienze)
  • riconoscere le parti nella struttura delle piante (scienze)
  • dire perché si devono rispettare l’acqua e l’ambiente (scienze)
  • raccogliere reperti durante l’esplorazione di un ambiente (scienze)
  • conoscere il proprio territorio, identificare i più significativi elementi fisici e antropici e le loro trasformazioni nel tempo (geografia)

Classi 4^ e 5^

  • descrivere strutture e ciclo vitale di piante e animali (scienze)
  • riconoscere le relazioni tra gli organismi e il loro ambiente (scienze)
  • il ciclo dell’acqua (scienze)
  • risolvere problemi, utilizzando carte geografiche, (geografia)
  • analizzare l’impatto delle attività umane sull’ambiente (geografia)
  • ricercare e proporre soluzioni di problemi relativi alla protezione, conservazione e valorizzazione dell’ambiente (geografia)

Educazione alla Convivenza Civile Educazione Ambientale

  • Flora, Fauna, equilibri ecologici tipici del proprio ambiente di vita
  • Gli interventi umani che modificano il paesaggio e l’interdipendenza uomo-natura.
  • Fare il bilancio di vantaggi e svantaggi che la modifica di un certo ambiente ha arrecato all’uomo che lo abita.
  • I ruoli degli enti pubblici e privati nella conservazione e nella trasformazione dell’ambiente.

 

Il metodo didattico

Il metodo didattico si avvarrà dei seguenti strumenti: narrazione – drammatizzazione – elaborazione grafica – osservazione diretta – manipolazione di reperti – formulazione di ipotesi.

 

Cosa rimarrà

Oltre alle emozioni vissute, alle cose imparate e sperimentate, alla consapevolezza di quanto sia importante proteggere la natura…

  • Una letterina che i bambini riceveranno prima della visita in classe, con la quale gli animali del bosco comunicheranno loro, con la complicità degli insegnanti, di aspettarli con impazienza.
  • Un albero autoctono che i bambini pianteranno e che, grazie al contributo di tutti i partecipanti al progetto, formerà “il bosco dei bambini”.
  • Un “Taccuino del naturalista” che la classe riceverà via e-mail in formato pdf, e che conterrà le foto della giornata, gli appunti di quanto osservato, appreso e realizzato durante l’attività e che potrà essere riutilizzato in classe.