Scuola dell’infanzia

Il progetto si propone di agire nell’ambito del campo di esperienza: “La conoscenza del mondo. Ordine, misura, spazio, tempo, natura” che ha come finalità una prima formazione di atteggiamenti e abilità di tipo scientifico. I nostri percorsi didattici sono stati concepiti ed elaborati per coadiuvare le educatrici nel raggiungimento degli obiettivi specifici, attraverso l’esperienza pratica e il contatto diretto con la natura.

 

Obiettivi specifici (competenze)

3 anni

  • osservare l’ambiente circostante e individuare le forme di vita più evidenti
  • distinguere, conoscere e nominare alcuni animali e alcune piante

4 anni

  • conoscere l’ambiente circostante e il mutare delle stagioni
  • osservare, descrivere e confrontare le caratteristiche principali di alcune forme di vita animale e vegetale e cogliere i rapporti tra gli esseri viventi e il loro ambiente

5 anni

  • riconoscere tutti gli elementi che costituiscono gli ambienti naturali e coglierne le differenze
  • conoscere il ciclo dell’acqua
  • denominare, usando una terminologia appropriata, le principali caratteristiche di animali e vegetali e riconoscerne le funzioni
  • maturare atteggiamenti positivi nei confronti degli animali, delle piante e della protezione della natura

 

Il metodo didattico

Il metodo didattico si avvarrà dei seguenti strumenti: narrazione – drammatizzazione – elaborazione grafica – osservazione diretta – manipolazione di reperti – formulazione di ipotesi. L’analisi degli elaborati grafici verrà utilizzata per una valutazione delle attività. Trasversalità dei “campi di esperienza”: gli strumenti didattici utilizzati consentiranno una trasversalità dei campi di esperienza trattati, andando ad agire in particolar modo su messaggi, forme e media – discorsi e parole – spazio, ordine e misura.

 

Cosa rimarrà

Oltre alle emozioni vissute, alle cose imparate e sperimentate, alla consapevolezza di quanto sia importante proteggere la natura…

  • Una letterina che i bambini riceveranno prima della visita in classe, con la quale gli animali del bosco comunicheranno loro, con la complicità degli insegnanti, di aspettarli con impazienza.
  • Un albero autoctono che i bambini pianteranno e che, grazie al contributo di tutti i partecipanti al progetto, formerà “il bosco dei bambini”.
  • Un “Taccuino del naturalista” che la classe riceverà via e-mail in formato pdf, e che conterrà le foto della giornata, gli appunti di quanto osservato, appreso e realizzato durante l’attività e che potrà essere riutilizzato in classe.